Sostieni il forum con una donazione! Il tuo contributo ci aiuterà a rimanere online!
Immagine

Serie di Preamp Valvolari

Discussioni di carattere generale sugli amplificatori valvolari...
Rispondi
El.guerrero
Diyer Eroe
Diyer Eroe
Messaggi: 714
Iscritto il: 01/01/2007, 21:10
Località: Prov, Como

Serie di Preamp Valvolari

Messaggio da El.guerrero » 23/03/2020, 21:48

Buongiorno a tutti, :ok_1:

è già da molto che mi balena questa idea, non sarebbe male a parer mio considerando che il suono al 90% è frutto di una modellazione dello stesso tramite il preamp, costituito dalle varie 12ax7 e così via, creare una serie di unità rack 1,2,3,4 in modo che poi possano essere abbinati al finale che più preferiamo.

Finale che può essere in via preliminare un valvolare da 5w, 20w o 50w o perchè no a transistor, o ancora non esserci ed entrare direttamente all'interno del proprio PC.

Questo permetterebbe anche di riutilizzare il finale già in nostro possesso tramite send/return e con poca spesa avere un nuovo ampli.

Certo le sfumature cambiano ma grosso modo otterremmo il suono che più ci interessa.

Andare su una soluzione del genere permette di creare una serie di suoni difficilmente riproducibili tramite pedali o altro, limitando di molto i costi.


Mi vengono in mente dei grandi classici con preamp abbastanza basilari, Fender Bassman, Marshall JTM e Plexi, AC30, Mesa Mark I o altri.


Io ovviamente sarei disposto a progettarli mettendoli in condivisione sia a livello di schema che di board Eagle, in maniera che poi vengano usati per la comunità.

Partirei con l'idea di un Fenderizer, un unità rack che raccoglierebbe 2 preamp tipici fender con la malsana idea di fare una pcb unica alimentazione e segnale, in cui i relè switchano i componenti sulle valvole, quindi con 2 triodi fisici otterremmo ben 2 preamp differenti e indipendenti.

Pazzia? si forse un po' ma siamo nel 2020, in quarantena e bisogna avere qualità risparmiando. :gui2:


A livello di schemi a blocchi propongo quindi:

|PREAMP FENDER 1|----------
IN----->/ \---> OUT
\ /
|PREAMP FENDER 2|----------

Il passaggio tra schemi i due preamp non avviene cambiando i triodi interi, essi rimangono alimentati e cambiano solo i collegamenti tra loro cosi' da risparmiare due valvole qui ma magari 3 dopo se parliamo di marshall o soldano.


Ora vi dico il mio contributo,

Progettazione PCB e realizzazione del prototipo.

A voi chiedo un po' di assistenza su come progettare bene i circuiti e condividere idee su quali preamp scegliere.



A voi la palla ora! :cool1:

Avatar utente
Kagliostro
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7633
Iscritto il: 03/12/2007, 0:16
Località: Prov. di Treviso

Re: Serie di Preamp Valvolari

Messaggio da Kagliostro » 24/03/2020, 0:53

Benvenga qualcosa con cui impegnarsi in questi tempi di clausura

non sono sicuramente in grado di aiutare più di tanto, specialmente nella progettazione, ma spero che ci sia qualcuno a dare supporto

Anche io avevo pensato a qualcosa del genere, tempo fa

In pratica volevo costruire una testata con solo un finale all'interno, ma provvista di uno slot a misura U1 dove inserire alternativamente un rack con il preamp di turno, il rack sarebbe stato posteriormente a filo del cabinet ed a vista, così da poterlo alimentare con la linea e collegare al finale che lo ingloba standogli sopra, si potrebbe anche pensare a due spazi U1, su uno si potrebbe inserire il pre e nell'altro un rack effetti o altro, ovviamente rigorosamente DIY [icon_e_biggrin.gif]

il tutto, però, era pensato con board con torrette

Ovviamente c'è chi si trova meglio con le PCB e quindi la tua idea sarà sicuramente di interesse per più di qualcuno

Franco

Avatar utente
robi
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7499
Iscritto il: 17/12/2006, 13:57
Località: Alba

Re: Serie di Preamp Valvolari

Messaggio da robi » 24/03/2020, 9:27

Ciao,

immagino tu intenda qualcosa tipo i Synergy:
http://www.synergyamps.com/shop/syn-modules

oppure i vecchi Randall MTS:
http://www.grailtone.com/guitar-tone-ar ... dules.html

Mi sembra una bella idea, bisogna solo ottimizzare la "base", che permetta di dare più sfumature possibili in base alle preferenze di chi lo costruirà.
Se è vero che la sonorità è data molto dal preamp, il finale è quello che ti fornisce la colorazione finale e l'attacco generale del suono.

Mi piace come idea, e mi piace l'energia che stai mettendo sul forum.
Bravo!

ilcaso1990
Neutrino
Neutrino
Messaggi: 18
Iscritto il: 20/03/2020, 11:13

Re: Serie di Preamp Valvolari

Messaggio da ilcaso1990 » 25/03/2020, 15:25

Grazie Robi,

a livello fender avrei intenzione di inserire nel progetto "fender" il bassman 5E6-A che penso sia una pietra miliare dell'amplificazione,

per l'altro tipo invece quale inserireste, diverso ma comunque degno di nota?

Avatar utente
Kagliostro
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7633
Iscritto il: 03/12/2007, 0:16
Località: Prov. di Treviso

Re: Serie di Preamp Valvolari

Messaggio da Kagliostro » 25/03/2020, 15:54

Vedo che hai ripreso il thread con un post come ilcaso1990, ci sono problemi con l'account El.guerrero ?

---
per l'altro tipo invece quale inserireste, diverso ma comunque degno di nota?
Questo ?

http://moosapotamus.net/ideas/alembic-f-2b-preamp/

o, magari, invece ... questo

http://sluckeyamps.com/misc/Marshall_Dual_50.pdf

Franco

Avatar utente
robi
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7499
Iscritto il: 17/12/2006, 13:57
Località: Alba

Re: Serie di Preamp Valvolari

Messaggio da robi » 25/03/2020, 18:55

Sul pulito io farei i seguenti pre, restando in ambito "due 12AX7" a bordo:
- Fender Bassman 5E6-A (base che si usa anche per il JTM45 e la 1959, magari switchabili, ed il VOX AC30);
- FenderTwin Reverb AB763;
- Howard Dumble (avresti anche il lead e le diverse versioni con un'unica pcb);
- Soldano X88R (che diventerà poi la pcb del 99% dei crunch esistenti);

Questo chiaramente ipotizzando di avere tutte le valvole del pre sulla scheda intercambiabile.
Secondo me bisognerebbe ipotizzare come gestire anche la parte "comune", per capire come gestire il tutto.

Un'ipotesi è avere tutto il pre sulla pcb estraibile, anche se questo significa avere tre valvole per i lead (switchabile a crunch con lo stadio che avanza).
In comune il loop ed il finale (anche se non sarebbe male avere presence e depth sulla pcb estraibile, ma le interferenze?

Avatar utente
robi
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7499
Iscritto il: 17/12/2006, 13:57
Località: Alba

Re: Serie di Preamp Valvolari

Messaggio da robi » 29/03/2020, 11:41

Hai pensato a come fare per il canale lead (a parte quelli a tre stadi più zener tipo Friedman, e quelli tipo Splawn)?

Un’opzione potrebbe essere l’avere uno stadio o due sulla scheda principale, e su quelle intercambiabili avere i valori per polarizzarlo/i ed il circuito intorno (disaccoppiamento, partitori, etc...).

ilcaso1990
Neutrino
Neutrino
Messaggi: 18
Iscritto il: 20/03/2020, 11:13

Re: Serie di Preamp Valvolari

Messaggio da ilcaso1990 » 31/03/2020, 14:38

Ciao Robi,


per ora mi sono concentrato su un solo Preamp

Heater: 12.6v regolati tramite lm7812 referenziato a gnd tramite diodo ,con una bella serie di CAP d filtraggio

Anodica: Regolata senza ovviamente Choke, usando l'integrato di microchip , LR8 che garantisce fino a 30ma con una regolazione da 12v fino a 425v

Preamp: Fender 5e6-a singolo canale, con bright inseribile, in maniera da avere i due canali classici dell'ampli ma con un solo jack in ingresso.

Aggiungo la versione 1.0 dello schema.

Ps: per uscire dall'ultimo stadio ovviamente dovrei poi passare da un decoupling cap per togliere l'offset della DC. come scelgo i valori cercando di alterare di poco la risposta in frequenza? L'out va attenuato? Grazie

In attesa di suggerimenti feedback ecc.
Allegati
5E6-A V1.0.pdf
(18.96 KiB) Scaricato 6 volte

Avatar utente
robi
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7499
Iscritto il: 17/12/2006, 13:57
Località: Alba

Re: Serie di Preamp Valvolari

Messaggio da robi » 31/03/2020, 15:38

Ciao,

la polarizzazione del primo stadio è sbagliata, ma io a dire il vero farei due ingressi ai due stadi come nello schema originale, con due volumi separati, tanto l'equalizzazione ha solo due comandi e quindi lo spazio totale "torna".

Il segnale in uscita ha il livello adatto per pilotare uno stadio, come vedi dal 100k&1k5 dello schema originale.
Non serve nessun attenuatore.

Non serve neppure il disaccoppiamento in DC, perchè hai già l'uscita riferita a massa.

Metterei i filamenti sulla scheda madre, tanto saranno uguali per tutti i pre e puoi magari dissipare a chassis e quindi meglio.

Per la regolazione dell'anodica sul pre, è difficile scegliere.
Personalmente trovo che i pre che "vadano ad interagire" con l'alimentazione del finale suonino meglio.
In questo caso il basso filtraggio originale potrebbe far pensare ad una correlazione facente parte del suono.

Certo avere l'anodica "regolabile" tramite trimmer permetterebbe maggiore versatilità anche dello stesso circuito, e non solo per gli stadi ad elevato guadagno).

Avatar utente
Kagliostro
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7633
Iscritto il: 03/12/2007, 0:16
Località: Prov. di Treviso

Re: Serie di Preamp Valvolari

Messaggio da Kagliostro » 31/03/2020, 16:00

Tempo fa mi ero chiesto come realizzare qualcosa del genere ed un amico americano aveva buttato sulla carta questo schemino

non so se possa essere interessante

ovviamente va installato sul pre che abbia una sua alimentazione da rete

perché sia usabile anche senza un finale specificamente progettato.

Per l'iterazione va collegato all'anodica del finale .....

Immagine

Franco

ilcaso1990
Neutrino
Neutrino
Messaggi: 18
Iscritto il: 20/03/2020, 11:13

Re: Serie di Preamp Valvolari

Messaggio da ilcaso1990 » 31/03/2020, 17:02

robi ha scritto:
31/03/2020, 15:38
la polarizzazione del primo stadio è sbagliata, ma io a dire il vero farei due ingressi ai due stadi come nello schema originale, con due volumi separati, tanto l'equalizzazione ha solo due comandi e quindi lo spazio totale "torna".
Ciao Robi, non capisco lo sbagliato a cosa si riferisce, tenendo conto che potrei utilizzare anche un solo triodo eliminando il secondo jack,

Catodo: Rimane uguale con la 820ohm e il 250uf, oppure siccome sono due triodi vanno rivisti i valori col catodo che non e' piu' in comune?
Anodo: La tensione arriva dalla 100k , il segnale viene disaccoppiato dalla 0.02uf e dentro nel potenziometro volume con bright opzionale (unica differenza tra i due canali??)
robi ha scritto:
31/03/2020, 15:38
Il segnale in uscita ha il livello adatto per pilotare uno stadio, come vedi dal 100k&1k5 dello schema originale.
Non serve nessun attenuatore.
Perfetto come immaginavo
robi ha scritto:
31/03/2020, 15:38
Metterei i filamenti sulla scheda madre, tanto saranno uguali per tutti i pre e puoi magari dissipare a chassis e quindi meglio.
Si diciamo che la creazione dell'anodica e della alimentazione dei filamenti starebbe su una pcb a parte, in modo che venga riusata.
Kagliostro ha scritto:
31/03/2020, 16:00
Tempo fa mi ero chiesto come realizzare qualcosa del genere ed un amico americano aveva buttato sulla carta questo schemino

non so se possa essere interessante

ovviamente va installato sul pre che abbia una sua alimentazione da rete

perché sia usabile anche senza un finale specificamente progettato.

Per l'iterazione va collegato all'anodica del finale .....
Ho visto anche io questa soluzione, ma l'altra usa meno componenti e fornisce comunque 30ma, inoltre anche l'altra è regolabile , basta un trimmer.

Appena ci allineiamo sul discorso primo stadio procedo alla correzione .

Grazie ragazzi

Avatar utente
Kagliostro
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7633
Iscritto il: 03/12/2007, 0:16
Località: Prov. di Treviso

Re: Serie di Preamp Valvolari

Messaggio da Kagliostro » 31/03/2020, 17:21

Intendiamoci, non sono qui a contestare in nessun modo la tua scelta

Vorrei solo chiarire che con il tuo schema la tensione di alimentazione del pre risulta stabilizzata

con lo schemino che ho postato io, la tensione (del pre in questo caso) (già di suo "flottante" a seconda dell'assorbimento, a causa dello schema senza regolatore) viene legata alle fluttuazioni (SAG) dell'anodica del finale

Come dicevo, è una tua scelta se avere un pre a tensione rigorosamente fissa o leggermente variabile in rapporto all'assorbimento del finale nei transienti (ovviamente si applica ad un finale PP, non SE dove le variazioni di assorbimento sono minime)

Franco

Avatar utente
robi
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7499
Iscritto il: 17/12/2006, 13:57
Località: Alba

Re: Serie di Preamp Valvolari

Messaggio da robi » 31/03/2020, 17:23

ilcaso1990 ha scritto:
31/03/2020, 17:02
Catodo: Rimane uguale con la 820ohm e il 250uf, oppure siccome sono due triodi vanno rivisti i valori col catodo che non e' piu' in comune?
Hai due triodi su quei 820 Ohm, quindi è come se fossero 1640 Ohm su un solo triodo.
ilcaso1990 ha scritto:
31/03/2020, 17:02
Anodo: La tensione arriva dalla 100k , il segnale viene disaccoppiato dalla 0.02uf e dentro nel potenziometro volume con bright opzionale (unica differenza tra i due canali??)
Esattamente.
ilcaso1990 ha scritto:
31/03/2020, 17:02
Si diciamo che la creazione dell'anodica e della alimentazione dei filamenti starebbe su una pcb a parte, in modo che venga riusata.
Sì, sarebbe meglio averla sulla scheda madre proprio per quello: un unico primario per l'anodica, ed un unico primo filtro comune più robusto.

ilcaso1990
Neutrino
Neutrino
Messaggi: 18
Iscritto il: 20/03/2020, 11:13

Re: Serie di Preamp Valvolari

Messaggio da ilcaso1990 » 31/03/2020, 19:25

Kagliostro ha scritto:
31/03/2020, 17:21
Intendiamoci, non sono qui a contestare in nessun modo la tua scelta

Vorrei solo chiarire che con il tuo schema la tensione di alimentazione del pre risulta stabilizzata

con lo schemino che ho postato io, la tensione (del pre in questo caso) (già di suo "flottante" a seconda dell'assorbimento, a causa dello schema senza regolatore) viene legata alle fluttuazioni (SAG) dell'anodica del finale

Come dicevo, è una tua scelta se avere un pre a tensione rigorosamente fissa o leggermente variabile in rapporto all'assorbimento del finale nei transienti (ovviamente si applica ad un finale PP, non SE dove le variazioni di assorbimento sono minime)
Franco nessun problema , non mi sono mica offeso anzi :ok_1: . Penso che siano due ipotesi valide.. Siccome qui parliamo di preamp il problema Push Pull o Single Ended non si pone. Ho optato preliminarmente per quella scelta per la semplicità con cui regolare il tutto e il numero esiguo di componenti. :gui2:

robi ha scritto:
31/03/2020, 17:23
Hai due triodi su quei 820 Ohm, quindi è come se fossero 1640 Ohm su un solo triodo.
Certo invece il cap rimane uguale

Avatar utente
robi
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7499
Iscritto il: 17/12/2006, 13:57
Località: Alba

Re: Serie di Preamp Valvolari

Messaggio da robi » 31/03/2020, 20:45

Ciao, è un RC, quindi se raddoppi R dimezzi C e viceversa.

Rispondi