Sostieni il forum con una donazione! Il tuo contributo ci aiuterà a rimanere online!
Immagine

Dubbio.. Che succederebbe se si interrompesse il circuito del bias? (classe AB)

Discussioni di carattere generale sugli amplificatori valvolari...
Rispondi
Avatar utente
Nutshell
Garzone di Roger Mayer
Garzone di Roger Mayer
Messaggi: 1062
Iscritto il: 16/05/2006, 14:34
Località: Bologna
Contatta:

Dubbio.. Che succederebbe se si interrompesse il circuito del bias? (classe AB)

Messaggio da Nutshell » 08/02/2010, 11:20

Ciao a tutti, negli ultimi mesi sono stato molto impegnato e ho avuto poco tempo da dedicare al saldatore, anche se sono passato a leggere qualche post ogni tanto.. Comunque la questione oggi è che pochi giorni fa suonando mi è venuto un dubbio: Cosa succederebbe se mentre suono, ci fosse ipoteticamente un guasto al circuito del bias dell'ampli, per esempio se si interrompesse del tutto?

La prima idea è che l'ampli si comporterebbe come se ci fosse un bias troppo freddo, tanto che smetterebbe di suonare. Oppure considerando che il bias è una tensione di riferimento negativa, eliminandolo del tutto l'ampli potrebbe seguire un comportamento come se fosse troppo caldo.. C'è una terza possibilità? Un comportamento tutto suo?
Scusate, non ho una firma..

www.nutshellelectronics.it

Avatar utente
luix
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3285
Iscritto il: 06/05/2006, 14:26
Località: Sulmona forever

Re:Dubbio.. Che succederebbe se si interrompesse il circuito del bias? (classe AB)

Messaggio da luix » 08/02/2010, 11:35

Di preciso non lo so perchè non mi è mai successo, di solito si mette una resistenza tra il lato del potenziometro (o trimmer) che va alla tensione più negativa e il centrale in modo che se il trimmer si interrompe gli dai la massima tensione negativa e si spegne tutto...

Se si apre proprio il circuito di bias la valvola sulla griglia ha una tensione indefinita quindi sarà preda di qualsiasi oscillazione... sicuramente per la legge di murphy esplode qualcosa  :arf2:
[b][size=150]NIENTE INFO NEI MESSAGGI PRIVATI!!!.[size=100][/size][/b]

[b]CLONE YOUR MIND! SE NON CLONI SEI OUT BARBONEEE[/b]

Avatar utente
EL84
Manager
Manager
Messaggi: 2395
Iscritto il: 14/05/2006, 10:28
Contatta:

Re:Dubbio.. Che succederebbe se si interrompesse il circuito del bias? (classe AB)

Messaggio da EL84 » 08/02/2010, 11:59

Se NON hai messo alcuna protezione al finale (fusibili o resistori al catodo che si bruciano nel caso di sovratensione/eccesso di corrente) - SI BRUCIANO le valvolozze e stai MUTO ! ;)

SaluTOneS
Antonello
www.antonellocatanese.net
www.myspace.com/virutrio
****************************************
Tom Hess

Avatar utente
Nutshell
Garzone di Roger Mayer
Garzone di Roger Mayer
Messaggi: 1062
Iscritto il: 16/05/2006, 14:34
Località: Bologna
Contatta:

Re:Dubbio.. Che succederebbe se si interrompesse il circuito del bias? (classe A

Messaggio da Nutshell » 08/02/2010, 13:28

Considerando la mia follia e il mio spirito intraprendente ho appena sperimentato personalmente per togliermi il dubbio! Bias probe sulle finali per leggere istantaneamente cosa succedeva.. ho misurato il bias normalmente e tutto era a posto (35mV), poi ho scollegato il tap 50V dal circuito del bias per non mandare niente alle finali, e ho riacceso. Il multimetro ha segnato 60mV e ho spento subito.

Ora mi viene un altro dubbio. Per avere un bias molto freddo dovrei aumentare molto la tensione negativa giusto?
Scusate, non ho una firma..

www.nutshellelectronics.it

Avatar utente
robi
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 8011
Iscritto il: 17/12/2006, 13:57
Località: Alba

Re:Dubbio.. Che succederebbe se si interrompesse il circuito del bias? (classe AB)

Messaggio da robi » 08/02/2010, 13:56

Sì, è giusto.
Se scolleghi il bias vai sempre in redplate.
Adoro le donne con un passato, e gli uomini con un futuro.

Avatar utente
Kagliostro
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7956
Iscritto il: 03/12/2007, 0:16
Località: Prov. di Treviso

Re:Dubbio.. Che succederebbe se si interrompesse il circuito del bias? (classe AB)

Messaggio da Kagliostro » 09/02/2010, 10:28

Sì, è giusto.
Se scolleghi il bias vai sempre in redplate.
E' il motivo per cui non si deve MAI inserire un fusibile nella linea del bias

come "protezione" sarebbe un "funerale" garantito

Un problema di molti vecchi shemi era che il pot o trimmer di regolazione se azionati in modo maldestro potevano mandare a massa la tensione di bias, per questo molti consigliano di modificare i vecchi schemi aggiungendo una resistenza tra il pot e massa, in modo di avere sempre un minimo di tensione redidua

Kagliostro
Ultima modifica di Kagliostro il 09/02/2010, 10:30, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Nutshell
Garzone di Roger Mayer
Garzone di Roger Mayer
Messaggi: 1062
Iscritto il: 16/05/2006, 14:34
Località: Bologna
Contatta:

Re:Dubbio.. Che succederebbe se si interrompesse il circuito del bias? (classe A

Messaggio da Nutshell » 09/02/2010, 13:43

Esattamente come avevo immaginato.

Tutto questo discorso è nato dal fatto che un giorno ho sentito l'ampli suonare più caldo del solito.. poi ho capito che era merito della stanza in cui suonavo, ma sul momento mi sono preoccupato.
Scusate, non ho una firma..

www.nutshellelectronics.it

Avatar utente
Zanna
Garzone di Roger Mayer
Garzone di Roger Mayer
Messaggi: 1262
Iscritto il: 27/03/2007, 18:15
Località: Ravenna

Re:Dubbio.. Che succederebbe se si interrompesse il circuito del bias? (classe AB)

Messaggio da Zanna » 20/02/2010, 17:50

Io sto provando in questi giorni a mettere una R da 25k 2w in parallelo al trimmer del bias (da 25k) in maniera tale che qualunque guasto succeda al trimmer ci sia sempre un minimo di tensione negativa.

Al momento sembra che comunque, con la R in parallelo, riesca a regolare la corrente di bias, anzi, il trimmer lavora ancora meglio.

Qualcuno mi da qualche parere in merito? 25k sono troppi?
Perché poi con valori più bassi la corrente inzia a passare dalla resistenza e non più dal trimmer...

Avatar utente
robi
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 8011
Iscritto il: 17/12/2006, 13:57
Località: Alba

Re:Dubbio.. Che succederebbe se si interrompesse il circuito del bias? (classe AB)

Messaggio da robi » 20/02/2010, 18:34

dipende da com'è fatto il resto del circuito del bias!
:bye1:
Adoro le donne con un passato, e gli uomini con un futuro.

Avatar utente
kruka
Braccio destro di Roger Mayer
Braccio destro di Roger Mayer
Messaggi: 1895
Iscritto il: 10/05/2006, 16:20
Località: Ancona

Re:Dubbio.. Che succederebbe se si interrompesse il circuito del bias? (classe AB)

Messaggio da kruka » 20/02/2010, 21:10

kagliostro ha scritto: E' il motivo per cui non si deve MAI inserire un fusibile nella linea del bias
io nell'ultimo ampli ho messo un fusibile sul secondaro del bias
ho pensato: preferisco rischiare di bruciare 2 valvole piuttosto che un ramo del trasformatore
se non altro perchè le 2 valvole le sostituirei  con meno problemi del trado

se ho fatto male lo vedro' in futuro  :hummm_1:
Un esperto è un uomo che ha fatto tutti gli errori che si possono fare in un campo molto ristretto - Niels Bohr

Avatar utente
Zanna
Garzone di Roger Mayer
Garzone di Roger Mayer
Messaggi: 1262
Iscritto il: 27/03/2007, 18:15
Località: Ravenna

Re:Dubbio.. Che succederebbe se si interrompesse il circuito del bias? (classe AB)

Messaggio da Zanna » 20/02/2010, 21:39

Il mio circuito con la R aggiunta è fatto così.

Si va a questo punto da un valore minimo di 0 ohm del trimmer a un valore massimo di 25k/2= 12,5k.

Nel caso si rompa il trim rimangono 25k. Il più è sperimentare quale corrente arriva alle finali con un valore di 25k perché magari si rompe la regolazione e io non me ne accorgo e magari uso l'ampli con le valvole con... boh... 60 mA di bias.  :hummm_1:
Allegati
bias.jpg

Avatar utente
robi
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 8011
Iscritto il: 17/12/2006, 13:57
Località: Alba

Re:Dubbio.. Che succederebbe se si interrompesse il circuito del bias? (classe AB)

Messaggio da robi » 21/02/2010, 12:44

È il bias della yamaha T100 vero?

Non serve a niente quella resitenza che hai aggiunto.

Se il trim perde contatto, il bias va a tensione più negativa,
il bias è più freddo, e non succede niente.

Se il trim per qualche motivo andasse in corto,
il bias è meno negativo, ma la resistenza non fa cambiare nulla,
e le valvole si cuociono lo stesso.
Adoro le donne con un passato, e gli uomini con un futuro.

Avatar utente
Zanna
Garzone di Roger Mayer
Garzone di Roger Mayer
Messaggi: 1262
Iscritto il: 27/03/2007, 18:15
Località: Ravenna

Re:Dubbio.. Che succederebbe se si interrompesse il circuito del bias? (classe AB)

Messaggio da Zanna » 21/02/2010, 15:27

Si, è il T100.  :yes:

Sempre sotto i ferri  :face_green:

Il mio timore è che, avendo portato il trim dalla pcb al pannello posteriore, si stacchi il cavo che li collega.
A questo punto se dici che in questo caso il bias andrebbe subito a freddo sarei a posto.
Per il caso del trim in corto, a quello non ci ho pensato; non ho neanche mai sentito di questo problema (segue una potente grattata di palle...  :arf2:)
Il mio timore comunque era l'altro.

:Gra_1:

Avatar utente
robi
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 8011
Iscritto il: 17/12/2006, 13:57
Località: Alba

Re:Dubbio.. Che succederebbe se si interrompesse il circuito del bias? (classe AB)

Messaggio da robi » 21/02/2010, 15:45

Difatti è una possibilità che ho riportato, ma alquanto improbabile.

Se il contatto interno si rompe o scollega, il partitore perde il riferimento a massa,
quindi essendo una tensione negativa riferita a massa,
senza riferimento a massa si porta ad un valore ulteriormente negativo.

Una tensione più negativa, regola il bias in modo pià freddo,
eliminando qualsiasi problema.
:bye1:
Adoro le donne con un passato, e gli uomini con un futuro.

Avatar utente
Zanna
Garzone di Roger Mayer
Garzone di Roger Mayer
Messaggi: 1262
Iscritto il: 27/03/2007, 18:15
Località: Ravenna

Re:Dubbio.. Che succederebbe se si interrompesse il circuito del bias? (classe AB)

Messaggio da Zanna » 21/02/2010, 15:49

Ok, ora è più chiaro.

:lol1:

Rispondi